Home | Elenco iscritti | Elenco scuole | Aggiornamento | Supervisione | Eventi | Come iscriversi | News | Rassegna stampa

Vai alla home page
Oggi è venerdì 6 dicembre 2019

   .: Come iscriversi
   .: Esami
   .: Assicurazione
   .: Definizione di counseling
 
   .: Cerca un socio
   .: Informazioni utili
   .: Linee guida
   .: Sportello utente
 
   .: Elenco scuole
   .: Corsi triennali
   .: Corsi di specializzazione
   .: Corsi di aggiornamento
 
   .: Chi siamo
   .: Cosa facciamo
   .: Gruppo dirigente
   .: Recapiti e contatti

Gli eventi di AssoCounseling


 
L'applicazione del lavoro di Paul Ekman sulle espressioni facciali e emozioni universali al colloquio di counseling

La mimica del volto è un sistema multisegnale (segnali rapidi, lenti e statici) e multimessaggio (oltre che messaggi emotivi trasmette informazioni su età, sesso, razza, carattere, intelligenza ecc.) che si estrinseca nella comunicazione interpersonale. Già nel 1872 Charles Darwin in L'espressione delle emozioni nell'uomo e negli animali aveva dimostrato l'esistenza di ESPRESSIONI FACCIALI UNIVERSALI.

Nella fattispecie Ekman conferma la tesi darwiniana dell'UNIVERSALITÀ dell'espressione delle EMOZIONI FONDAMENTALI (BASIC EMOTIONS) o PRIMARIE, connesse con i comportamenti funzionali alla sopravvivenza, trovando in 21 paesi concordanza sul riconoscimento soprattutto di FELICITÀ, TRISTEZZA e DISGUSTO, in quasi tutti anche di PAURA e COLLERA, e un po' meno per la SORPRESA che viene spesso confusa.

In questo senso, il lavoro di Paul Ekman, psicologo clinico skinneriano, inizia nel 1965 dalla ricerca sull'espressione facciale dell'emozione nella relazione psicoterapeuta-paziente.

A tale scopo, vengono mostrate fotografie di espressioni facciali a soggetti di culture diverse, insieme ad un elenco di termini indicanti le varie emozioni di base tra i quali scegliere. Per rispondere alla critica secondo la quale l'universalità dell'espressione nelle culture potrebbe dipendere dall'imitazione di modelli comuni tramite i media, Ekman effettua nel 1967-68, due soggiorni in Papua Nuova Guinea per studiare i Fore, tribù primitiva non letterata e isolata dai mezzi di comunicazione.

Secondo Ekman, tutti gli esseri umani condividono e riconoscono le espressioni facciali fondamentali delle cosiddette emozioni primarie grazie alla presenza di un programma neuromuscolare di natura genetica.

Temi
- il lavoro di Paul Ekman per imparare a riconoscere le emozioni universali attraverso le espressioni facciali
- l'applicazione del riconoscimento della mimica facciale e la gestione delle emozioni sottese al colloquio di counseling

Bibliografia
- P. EKMAN, Giù la maschera. Come riconoscere le emozioni dall'espressione del viso, 2007, Giunti
- P. EKMAN, Te lo leggo in faccia. Riconoscere le emozioni anche quando sono nascoste, 2008, Amrita

Conduttore
Carmen Cini, Professional Counselor


Home | Privacy | Note legali | Sportello utente | Contatti | Partnership | RSS

© 2009-2019 AssoCounseling. Codice fiscale 97532290158. Tutti i diritti riservati.