Home | Elenco iscritti | Elenco scuole | Aggiornamento | Supervisione | Eventi | Come iscriversi | News | Rassegna stampa

Vai alla home page
Oggi è sabato 13 agosto 2022

   .: Come iscriversi
   .: Attestato ex Legge 4/2013
   .: Esami
   .: Assicurazione
   .: Codice deontologico
 
   .: Cerca un counselor
   .: Informazioni utili
   .: Linee guida
   .: Sportello utente
   .: Definizione di counseling
 
   .: Enti di formazione
   .: Corsi triennali
   .: Specializzazioni
   .: Aggiornamenti
   .: Aggiornamenti on line
 
   .: Chi siamo
   .: Cosa facciamo
   .: Gruppo dirigente
   .: Recapiti e contatti
   .: Coordinate bancarie

Gli eventi di AssoCounseling


 
Buongiorno, mi chiamo Marisa e sono un'infermiera che lavora nel reparto di reumatologia... questa è la mia domanda: noi infermiere possiamo fare counseling senza aver fatto alcun tipo di corsi? Grazie, Marisa.

Ciao Marisa, il counseling non è attualmente in Italia una professione regolamentata, non esistono cioè dei requisiti minimi che lo Stato indica come obbligatori per poterlo esercitare. Da un punto di vista strettamente giuridico, pertanto, la risposta è: sì, puoi fare counseling.

Da un punto di vista sostanziale però mi domando…: come pensi di poterlo fare se prima non ti formi? L’intervento di counseling è infatti un intervento professionale vero e proprio che prevede l'uso di specifiche tecniche, metodologie, il raggiungimento di determinati obiettivi, etc.

In alternativa, e questo potrebbe essere il tuo caso, il counseling è anche un insieme di competenze e conoscenze (abilità di counseling o counseling skills, per dirla all’inglese) spendibili in un qualunque mestiere che sia centrato nella relazione con l’altro: inferimieri, assistenti sociali, pedagogisti, psicologi, insegnanti, medici, etc.

In particolare il counseling ospedaliero è uno degli ambiti di intervento più interessanti e in continuo sviluppo. All'interno dei contesti ospedalieri le abilità di counseling sono particolarmente usate nell'accompagnamento alla morte di pazienti terminali, nella comunicazione della diagnosi (infausta), in particolari reparti (oncologia, infettivologia, malattie degenerative del sistema nervoso, etc.). Certo è, mi viene da dire, che a qualunque operatore sanitario farebbero bene, nella gestione del paziente, le principali abilità di counseling: ascolto attivo, comunicazione efficace, gestione della relazione, etc.

Se sei interessata ad acquisire abilità di counseling, ti consiglio di rivolgerti ad una specifica scuola di formazione, magari che proponga proprio corsi di counseling infermieristico o per operatori sanitari in genere.

Ti saluto cordialmente.

Tommaso Valleri

Disclaimer: le informazioni contenute rappresentano le conoscenze attuali circa l'oggetto delle domande alla data della pubblicazione del documento (13/07/2009). Non viene garantito che quanto qui indicato possa valere od essere accurato dopo la data di pubblicazione.

titolo: Il counseling infermieristico
curatore: Tommaso Valleri
data di pubblicazione: 13/07/2009
tags: counseling infermieristico, counseling sanitario, counseling ospedaliero, tommaso valleri

Home | Privacy | Note legali | Sportello utente | Contatti | Partnership | RSS

© 2009-2022 AssoCounseling. Codice fiscale 97532290158. Tutti i diritti riservati.