Home | Elenco iscritti | Elenco scuole | Aggiornamento | Supervisione | Eventi | Come iscriversi | News | Rassegna stampa

Vai alla home page
Oggi è sabato 25 maggio 2024

   .: Come iscriversi
   .: Attestato ex Legge 4/2013
   .: Esami
   .: Assicurazione
   .: Codice deontologico
 
   .: Cerca un counselor
   .: Informazioni utili
   .: Linee guida
   .: Sportello utente
   .: Definizione di counseling
 
   .: Enti di formazione
   .: Corsi triennali
   .: Specializzazioni
   .: Aggiornamenti
   .: Aggiornamenti on line
 
   .: Chi siamo
   .: Cosa facciamo
   .: Gruppo dirigente
   .: Recapiti e contatti
   .: Coordinate bancarie

Counseling Day 2023


 
Una strada segnata sulle orme dei padri. 'Purtroppo in Italia la società è bloccata: chi ha il padre medico finisce per fare il medico. Stessa cosa per chi ha il papà avvocato o notaio. È un problema di mobilità sociale che, a quanto sembra, riguarda però anche la Gran Bretagna'. Parola di Luigi Frati, rettore dell'Università La Sapienza di Roma che commenta così il rapporto stilato dall'ex ministro inglese Alan Milburm, da cui è emerso che in Gran Bretagna alcune professioni, come quella del medico e dell'avvocato, sono troppo spesso riservate ai rampolli delle classi agiate. Sante parole, se il nostro, guardasse anche alle Università italiane e alla sua in particolare dove vere proprie 'famiglie' si tramandano la cattedra di padre in figlio, collaterali e affini.

Basta scorrere gli elenchi telefonici degli Atenei per trovare cognomi ricorrenti. Per carità! Saranno tutti bravissimi ma la cosa appare quantomeno singolare. 'Si è sempre pensato che in Gran Bretagna la mobilità sociale fosse meno bloccata. A dar retta a questo rapporto, evidentemente non è così', spiega Frati. Ma se Oltremanica 'piangono', qui in Italia non si 'ride'.

'Purtroppo - aggiunge il rettore della Sapienza - anche in Italia abbiamo il problema della mobilità, legato soprattutto a due fattori. Il primo - spiega - è legato alla mancanza di alloggi per i ragazzi. C'è carenza di 'Case dello studente'. In Italia siamo sotto l'1% di alloggi rispetto al fabbisogno, a fronte di un dato vicino al 30% negli altri Paesi europei. Questo costringe molte famiglie a far studiare i propri figli nella città di residenza, a scapito della scelta dei corsi. Io sto cercando di raddoppiare il numero degli alloggi a Roma e a Latina. Di reperire 'Case dello studente' gestite da privati a prezzi calmierati'. Un altro problema responsabile del blocco della mobilità nel nostro Paese sembra essere il blocco delle tasse universitarie. 'Siamo costretti a tenerle basse', spiega il rettore. 'Questo limita le risorse che potrebbero essere destinate a borse di studio a favore dei più meritevoli. Ma anche a facilitare l'ingresso a chi manifesta un particolare interesse verso una professione, che può essere il medico e l'avvocato'. Senza bisogno di essere necessariamente figli di Medici o Avvocati.

titolo: In Italia professione di padre in figlio
autore/curatore: Luigi Berliri
fonte: Mondo Professionisti
data di pubblicazione: 22/07/2009

Home | Privacy | Note legali | Sportello utente | Contatti | Partnership | RSS

© 2009-2024 AssoCounseling. Codice fiscale 97532290158. Tutti i diritti riservati.