Home | Elenco iscritti | Elenco scuole | Aggiornamento | Supervisione | Eventi | Come iscriversi | News | Rassegna stampa

Vai alla home page
Oggi è giovedì 30 maggio 2024

   .: Come iscriversi
   .: Attestato ex Legge 4/2013
   .: Esami
   .: Assicurazione
   .: Codice deontologico
 
   .: Cerca un counselor
   .: Informazioni utili
   .: Linee guida
   .: Sportello utente
   .: Definizione di counseling
 
   .: Enti di formazione
   .: Corsi triennali
   .: Specializzazioni
   .: Aggiornamenti
   .: Aggiornamenti on line
 
   .: Chi siamo
   .: Cosa facciamo
   .: Gruppo dirigente
   .: Recapiti e contatti
   .: Coordinate bancarie

Counseling Day 2023


 
Il numero totale di lavoratori parasubordinati contribuenti (professionisti più collaboratori) è passato da 1.434.856 del 2015 a 1.526.309 nel 2022. Lo comunica l'Inps in una nota in cui spiega che è stato aggiornato l'Osservatorio sui lavoratori parasubordinati, che riporta l'andamento del periodo 2015-2022 delle informazioni su professionisti e collaboratori iscritti alla Gestione separata.

Dai dati - si legge - si nota una riduzione dei collaboratori dal 2015 al 2016 (-17,4%), una stabilizzazione nel 2017 (+0,1%), un incremento tra il 2017 e il 2018 (+2,4%), una lieve crescita tra il 2018 e il 2019 (+0,8%), una riduzione tra il 2019 e il 2020 (-1,7%), un aumento del 6,8% tra il 2020 e il 2021 e un significativo aumento del 12,6% tra 2021 e 2022. Anche i professionisti registrano una crescita dal 2015 al 2022, pari al 47,4%.

Tali variazioni - spiega l'Inps - sono dovute sia alle dinamiche del mercato del lavoro sia a interventi del legislatore. Innanzitutto, la riforma Fornero (l. 92/2012), che ha introdotto restrizioni sulle collaborazioni coordinate e continuative; successivamente, il Jobs Act (dl 81/2015), il quale - nel settore privato - ha limitato le collaborazioni a quelle “a progetto”, lasciando sopravvivere le collaborazioni coordinate e continuative solo in ambito pubblico, con prevalenza nelle Università. Un effetto sugli andamenti del numero di collaboratori e professionisti, inoltre, è dovuto anche alle continue variazioni delle aliquote di contribuzione.

La quota di donne è diminuita nella tipologia dei collaboratori, mentre è aumentata in quella dei professionisti: nel 2015 le donne erano il 39,1% tra i collaboratori e il 41,9% tra i professionisti; nel 2022 tali valori sono rispettivamente 37,8% e 46,6%.

Per quanto riguarda l’età, si registra un aumento dell’8,7% per gli under 30, una crescita del 3,4% per la fascia di età da 30 a 59 anni e una, più consistente (16,6%) da 60 anni in poi.

Dal punto di vista geografico, si riscontra un incremento del 12,1% al Sud, +5,3% al Nord e +4,3% al Centro. Da un confronto impostato sul parametro reddituale, per i collaboratori si registra una continua crescita del reddito medio. Di contro, per i professionisti, si registra una lieve riduzione fino al 2017, una lieve ripresa nel 2018 e nel 2019, una consistente diminuzione nel 2020 ascrivibile agli effetti della pandemia, con un lieve recupero del reddito medio nel 2021 e una sostanziale stagnazione nel 2022.

Nel rapporto sono disponibili, per la sola tipologia dei collaboratori, ulteriori variabili di dettaglio, come il numero di committenti: nel 2022 il 46,5% dei collaboratori risulta essere esclusivo e mono-committente, con un reddito medio annuo pari a 20.795. Il reddito medio degli uomini è comunque quasi il doppio di quello delle donne.

Amministratori e sindaci - conclude la nota Inps - sono quelli con i redditi più elevati rispetto a tutti gli altri, a conferma dell’estrema eterogeneità dei contribuenti alla Gestione separata.

titolo: Gestione separata, INPS: nel 2022 oltre 1,5 milioni iscritti
autore/curatore: Teleborsa
fonte: La Stampa
data di pubblicazione: 26/10/2023
tags: INPS, gestione separata

Home | Privacy | Note legali | Sportello utente | Contatti | Partnership | RSS

© 2009-2024 AssoCounseling. Codice fiscale 97532290158. Tutti i diritti riservati.