Home | Elenco iscritti | Elenco scuole | Aggiornamento | Supervisione | Eventi | Come iscriversi | News | Rassegna stampa

Vai alla home page
Oggi è lunedì 14 giugno 2021

   .: Come iscriversi
   .: Attestato ex Legge 4/2013
   .: Esami
   .: Assicurazione
   .: Codice deontologico
 
   .: Cerca un counselor
   .: Informazioni utili
   .: Linee guida
   .: Sportello utente
   .: Definizione di counseling
 
   .: Enti di formazione
   .: Corsi triennali
   .: Specializzazioni
   .: Aggiornamenti
   .: Aggiornamenti on line
 
   .: Chi siamo
   .: Cosa facciamo
   .: Gruppo dirigente
   .: Recapiti e contatti
   .: Coordinate bancarie

Gli eventi di AssoCounseling


 
Il 14 aprile 2009 l'Ordine degli Psicologi della Toscana invia ai propri iscritti la seguente eMail a firma del suo Presidente Sandra Vannoni: Caro collega, ci giunge notizia che alcune ASL ed altri enti chiedono agli psicologi di svolgere il ruolo di tutor per le figure di 'counselor'. Nell'ottica della tutela e difesa della nostra professione, riteniamo che sia del tutto inopportuno adempiere a tale ruolo di tutoraggio per più motivi [...] con il tutoraggio di un counselor, lo psicologo rischia di avallare l'esistenza di tale figura professionale e altresì di incorrere in comportamenti contrari al Codice Deontologico che ci impone di contrastare l'abuso e di riservare l'insegnamento delle nostre tecniche (il grassetto è mio).

E, come ogni comunicazione di analogo tenore, non poteva mancare la velata minaccia di ricorrere al procedimento disciplinare paventando un qualche comportamento contrario alla deontologia professionale.

Da parte nostra si impongono alcune riflessioni:

L'uso che viene fatto del Codice Deontologico da parte dell'Ordine degli Psicologi della Toscana è un uso prettamente politico: non potendo direttamente attaccare il counselor di turno, si aggira l'ostacolo minacciando lo psicologo di turno, reo di avallare l'esistenza di tale figura professionale. E quand'anche non si riesce a trovare una corrispondenza esatta con un articolo del Codice, c'è sempre la possibilità di ricorrere – con un margine di interpretazione pressoché infinito – al comportamento contrario al decoro (senza peraltro essersi mai presi la briga di definire questo sempre-chiamato-in-causa decoro).

La comunità professionale che la nostra associazione rappresenta, non intende cercare conferme della propria esistenza – né implicite né esplicite – attraverso siffatti canali e siffatte modalità. Differentemente dall'Ordine, noi crediamo fortemente nel principio di autorevolezza e non in quello di autorità. Ciò significa che è attraverso il nostro lavoro, portato avanti con serietà e competenza, che intendiamo accreditarci rispetto alla società civile e, dunque, rispetto alla nostra potenziale clientela. Non certo attraverso l'esibizione di leggi e leggine che, come ormai anche i sassi hanno imparato, sono assolutamente insufficienti a garantire la competenza professionale di qualsivoglia professionista.

Il legislatore, ad oggi, non ha ancora ritenuto opportuno regolamentare la figura professionale del counselor. Parimenti ha fatto con gli enologi, i bibliotecari, i fiscalisti, gli interpreti, i traduttori, i mediatori familiari, gli informatici, etc.: ovvero con tutte le altre professioni non regolamentate esistenti nel nostro paese.

E' troppo facile l'equazione professione non regolamentata = assenza di garanzia per l'utenza.

La nostra associazione professionale di categoria adotta rigide verifiche in ingresso cui seguono verifiche in itinere per valutare il mantenimento, da parte del professionista, delle competenze possedute.

Chi decide di iscriversi ad un'associazione professionale si auto-vincola, con un atto assolutamente volontario – com'è nella logica del modello accreditatorio – al rispetto di alcune norme nonché all'adempimento di taluni obblighi. Ad esempio l'assicurazione per responsabilità professionale, piuttosto che il rispetto di un Codice Deontologico e l'obbligo di aggiornamento permanente.

L'iscritto ad AssoCounseling che non è capace di dare evidenza – alle scadenze previste – dell'aggiornamento permanente espletato, viene espulso dall'associazione.

L'articolo 5 del Codice Deontologico degli Psicologi italiani recita che Lo psicologo è tenuto a mantenere un livello adeguato di preparazione professionale e ad aggiornarsi nella propria disciplina specificatamente nel settore in cui opera.

Ecco, mi piacerebbe sapere – ad oggi – per quanti Psicologi la Presidente Vannoni ha avviato un procedimento disciplinare per non aver ottemperato l'articolo 5...

titolo: Ennesimo attacco dell'Ordine della Toscana
autore/curatore: Tommaso Valleri
fonte: AssoCounseling
data di pubblicazione: 22/07/2009

Home | Privacy | Note legali | Sportello utente | Contatti | Partnership | RSS

© 2009-2021 AssoCounseling. Codice fiscale 97532290158. Tutti i diritti riservati.