Home | Elenco iscritti | Elenco scuole | Aggiornamento | Supervisione | Eventi | Come iscriversi | News | Rassegna stampa

Vai alla home page
Oggi è martedì 25 febbraio 2020

   .: Come iscriversi
   .: Esami
   .: Assicurazione
   .: Definizione di counseling
 
   .: Cerca un socio
   .: Informazioni utili
   .: Linee guida
   .: Sportello utente
 
   .: Elenco scuole
   .: Corsi triennali
   .: Corsi di specializzazione
   .: Corsi di aggiornamento
 
   .: Chi siamo
   .: Cosa facciamo
   .: Gruppo dirigente
   .: Recapiti e contatti

Gli eventi di AssoCounseling


 
La riforma delle non regolamentate - Anche le professioni non ordinistiche avranno la loro riforma. Per ora il testo è al vaglio della Commissione Industria, commercio e turismo del Senato, alla quale è giunta dopo aver ottenuto il nulla osta dalla Commissione Bilancio. La versione definitiva del disegno di legge verrà trasmessa nel giro di un paio di settimane.

L’esame della Commissione Bilancio – Lo scorso lunedì si è concluso l’esame del testo da parte dei senatori membri della Commissione Bilancio. Il parere dei membri del consesso dalla riforma è risultato “non ostativo”. Il disegno di legge recante “Disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi” era stato bloccato lo scorso maggio, in quanto rimasto privo proprio del parere della presente Commissione, che ora lo ha quindi trasmesso ai senatori che si occupano di questioni industriali e commerciali.

La Commissione Industria, commercio e turismo - La discussione in merito al disegno di legge era prevista per la seduta di ieri 23 ottobre, ma l’ordine del giorno della Commissione Industria del Senato non ne ha fatto menzione. L’auspicio, come s’è detto, è che i senatori coinvolti decidano di discutere della questione entro i prossimi quindici giorni, al fine di giungere a un ulteriore passo avanti per la disposizione. E’ innegabile, infatti, che le categorie non regolamentate siano in attesa di un testo che le disciplini; allo stesso tempo, però, non si può non tener presente che anche sul fronte delle regolamentate c’è molta attenzione al caso, in quanto le discussioni in merito alle specificità degli Albi ordinistici hanno sempre rappresentato dei punti caldi ed eventuali novità sul fronte delle non ordinistiche potrebbero alimentare nuovi dibattiti.

I contenuti del ddl – Vediamo ora, brevemente, quali sono i punti salienti del disegno di legge che potrebbe andare a riformare le professioni non organizzate in ordini o collegi. Innanzitutto, l’art. 1 propone una definizione di tali categorie professionali, indicando sotto questo epiteto l’attività economica, organizzata e non, che offre servizi od opere abitualmente e prevalentemente mediante o con il concorso di lavoro intellettuale. Tra queste attività, però, non devono essere ricomprese quelle riservate per legge a soggetti iscritti in albi o elenchi ai sensi dell’art. 2229 c.c., o quelle proprie dei mestieri artigianali, commerciali e di pubblico esercizio regolamentati da apposite normative. L’elenco delle associazioni professionali e delle forme aggregative aventi i requisiti previsti dalla legge è presente al comma 7, art. 2. I professionisti, sulla base del principio del libero esercizio della professione fondato sull’autonomia, sulle competenze e sull’indipendenza di giudizio intellettuale e tecnica del professionista, avranno dunque la facoltà di istituire associazioni professionali volontarie, non esclusive e private. Tali associazioni, nate per la valorizzazione dei professionisti membri, dovranno però rispettare determinate regole deontologiche nel pieno rispetto dei clienti e delle professioni ordinistiche. Il Ministero vigilante sarà quello per lo Sviluppo.

titolo: Riforma non regolamentate: si attende ancora
autore/curatore: Redazione
fonte: Fiscal Focus
data di pubblicazione: 24/10/2012
tags: ddl 3270, riforma professioni, associazioni professionali

Home | Privacy | Note legali | Sportello utente | Contatti | Partnership | RSS

© 2009-2020 AssoCounseling. Codice fiscale 97532290158. Tutti i diritti riservati.