Home | Elenco iscritti | Elenco scuole | Aggiornamento | Supervisione | Eventi | Come iscriversi | News | Rassegna stampa

Vai alla home page
Oggi è martedì 25 febbraio 2020

   .: Come iscriversi
   .: Esami
   .: Assicurazione
   .: Definizione di counseling
 
   .: Cerca un socio
   .: Informazioni utili
   .: Linee guida
   .: Sportello utente
 
   .: Elenco scuole
   .: Corsi triennali
   .: Corsi di specializzazione
   .: Corsi di aggiornamento
 
   .: Chi siamo
   .: Cosa facciamo
   .: Gruppo dirigente
   .: Recapiti e contatti

Gli eventi di AssoCounseling


 
L’Ancot Associazione nazionale consulenti tributari non vuole rimanere in silenzio sul cosiddetti Contributi Silenti. A tal proposito l’associazione dei tributaristi presieduta dal prof. Arvedo Marinelli ha dato pieno appoggio all’iniziativa intrapresa dal Partito Radicale e il prossimo venti maggio scenderà in piazza davanti alle sedi dell’Inps per la «Prima Giornata Nazionale dei Silenti».

«Gran parte dei contributi previdenziali dovuti alla Gestione separata dell’Inps dai parasubordinati, dai precari o da coloro che esercitano professioni non regolate da ordini professionali», ha detto il presidente nazionale dell’Ancot Arvedo Marinelli, «viene versata a fondo perduto: se non si raggiunge il minimo richiesto dalla legge per maturare la pensione (il che accade sempre più spesso, dati i lunghi periodi di disoccupazione o lavoro nero), quei contributi vengono usati per pagare le pensioni di altri, ma non danno diritto ad averne una propria. E anche quando si matura il minimo di contribuzione richiesto, la pensione ottenuta non supera le poche centinaia di euro dell’assegno sociale». Una situazione che soprattutto in una fase di gravissima crisi occupazionale che stiamo attraversando «accomuna», ha proseguito la sua analisi il prof. Arvedo Marinelli, «tanti disoccupati e tante donne che, lasciato il lavoro per accudire i figli o gli anziani, non hanno accumulato contributi sufficienti.

Intanto la Gestione separata d e l l ’ I n p s ogni anno incassa 8 miliardi di euro di contributi, ma eroga solo 300 milioni di euro di prestazioni!». Il Partito Radicale attraverso il lavoro svolto dai propri parlamentari ha presentato alla Camera la proposta di legge «Delega al governo per l’introduzione di una disciplina in materia di restituzione dei contributi previdenziali che non danno luogo alla maturazione di un corrispondente trattamento pensionistico » (Atto Camera n. 1611).

«Per tale norma», ha detto il presidente Arvedo Marinelli, «chiediamo che venga calendarizzata e discussa entro la fine del 2011». La proposta di legge dei Radicali è stata predisposta per rimediare a questa situazione drammatica, e in attesa di una riforma complessiva e finalmente equa delle pensioni con l’obiettivo anche di chiedere che sia riconosciuto ai lavoratori il diritto alla restituzione dei contributi «silenti», ovvero dei contributi previdenziali versati che non abbiano dato luogo alla maturazione di un corrispondente trattamento pensionistico.

«In questa circostanza», ha spiegato il presidente Arvedo Marinelli, «lo Stato italiano può essere considerato un Robin Hood alla rovescia: toglie a chi sta peggio per dare a chi sta meglio. È per questo motivo che sollecitiamo la partecipare alla giornata di manifestazione da parte degli iscritti all’Ancot i quali possono avere maggiori informazioni sull’iniziativa collegandosi al sito: www.radicali.it/contributi-silenti. Quello dei contributi silenti è un problema che riguarda tutti noi ed è per questo che dobbiamo far sentire forte la nostra voce».

titolo: Voce ai contributi silenti
autore/curatore: Vittorio Bellagamba
fonte: Italia Oggi
data di pubblicazione: 29/04/2011
tags: pensione, contributi silenti, manifestazione, previdenza, ancot, tributaristi

Home | Privacy | Note legali | Sportello utente | Contatti | Partnership | RSS

© 2009-2020 AssoCounseling. Codice fiscale 97532290158. Tutti i diritti riservati.