Home | Elenco iscritti | Elenco scuole | Aggiornamento | Supervisione | Eventi | Come iscriversi | News | Rassegna stampa

Vai alla home page
Oggi è lunedì 14 giugno 2021

   .: Come iscriversi
   .: Attestato ex Legge 4/2013
   .: Esami
   .: Assicurazione
   .: Codice deontologico
 
   .: Cerca un counselor
   .: Informazioni utili
   .: Linee guida
   .: Sportello utente
   .: Definizione di counseling
 
   .: Enti di formazione
   .: Corsi triennali
   .: Specializzazioni
   .: Aggiornamenti
   .: Aggiornamenti on line
 
   .: Chi siamo
   .: Cosa facciamo
   .: Gruppo dirigente
   .: Recapiti e contatti
   .: Coordinate bancarie

Gli eventi di AssoCounseling


 
E' uscito lo scorso 30 settembre su Il Sole24Ore un articolo a firma di Jacopo Chiostri dal titolo 'Gli psicologi: troppi abusivi'. All'interno dell'articolo, che potete scaricare integralmente, c'è un interessante botta e risposta tra Tommaso Valleri, attuale amministratore ad interim di AssoCounseling, e Sandra Vannoni, Presidente dell'Ordine degli Psicologi della Toscana.

L'Ordine della Toscana persgue diritto per la propria strada, promuovendo con ogni mezzo l'equazione professione non regolamentata = assenza di garanzie per l'utenza (a tal proposito vedasi anche l'articolo: Ennesimo attacco dell'Ordine della Toscana). Ma in questo caso va oltre. E' infatti interessante il passaggio della Vannoni che recita: In coerenza con la legge, ribadiamo che il termine counseling non può che riferirsi ad attività svolte da psicologi professionisti [...].

Quale Legge?

Ne approfittiamo per ribadire che, ad oggi, il Legislatore non si è mai occupato di regolamentare il counseling, né tanto meno esiste una norma del nostro ordinamento che definisce l'attività di counseling come riserva della professione di psicologo.

Peraltro, anche quando l'Ordine intende perseguire la strada giudiziaria (segnalando i casi - a detta loro - di esercizio abusivo), anche qui non trova conferma della propria tesi: nessun Tribunale italiano, ad oggi, ha mai condannato una persona perché l'esercizio dell'attività di counseling di per sé configurava esercizio abusivo della professione di psicologo. Laddove una condanna c'è stata (al momento non ne conosciamo nessuna arrivata a terzo grado di giudizio), è stata relativa ad un abuso reale, dove il termine 'counseling' veniva usato in maniera impropria per coprire di fatto altre attività.

Noi continueremo ad impegnarci affinché la professionalità dei counselor venga correttamente divulgata, nonché a tutelare in ogni sede i nostri iscritti che si dovessero vedere attaccati direttamente dall'Ordine degli psicologi.

titolo: Counseling vs psicologia: botta e risposta
autore/curatore: Segreteria
fonte: AssoCounseling
data di pubblicazione: 05/10/2009

Home | Privacy | Note legali | Sportello utente | Contatti | Partnership | RSS

© 2009-2021 AssoCounseling. Codice fiscale 97532290158. Tutti i diritti riservati.