Home | Elenco iscritti | Elenco scuole | Aggiornamento | Supervisione | Eventi | Iscrizione | Esame di iscrizione | News | Rassegna stampa

Vai alla home page
Oggi è venerdì 20 ottobre 2017

   .: Iscrizione
   .: Esami
   .: Assicurazione
   .: Definizione di counseling
 
   .: Cerca un socio
   .: Informazioni utili
   .: Linee guida
   .: Sportello utente
 
   .: Elenco scuole
   .: Cerca un corso
   .: Promuovi un corso
   .: Formazione continua
 
   .: Chi siamo
   .: Cosa facciamo
   .: Gruppo dirigente
   .: Recapiti e contatti

10 buoni motivi per scegliere AssoCounseling


 
Jobs act: il CoLAP in audizione alla CameraIl CoLAP convocato in Commissione Lavoro per dare il parere sullo schema di decreto Conciliazione e sulla revisione delle tipologie contrattuali. Lo Schema conciliazione è interessante perché si pone il problema di rivedere le tutele e la loro esigibilità; quello relativo alle tipologie contrattuali rivede e riduce il numero dei contratti ma il CoLAP lo approva con esigenza di revisione e integrazione di diversi punti.

“E’ uno schema di decreto quella sulla conciliazione – apre la Presidente Alessandrucci – la cui importanza è sottovalutata, troppa poca attenzione su un atto che parla della nostra vita, di come riusciamo a lavorare e conciliare la nostra vita familiare e privata una parte della riforma del lavoro che incide sul benessere e sulla cura dei figli, per questo il CoLAP ha voluto mettere a punto un documento di analisi della proposta strutturato e approfondito”.

“Per parlare di conciliazione – continua la Presidente – occorre inserire prima il concetto di genitorialità; la legge deve incentivare il cambiamento culturale che vede sempre di più coinvolto il padre nella cura e nella gestione della famiglia, ed evitare che la conciliazione sia l’ennesimo atto di discriminazione nei confronti della donna lavoratrice.”

“Il decreto che rivede le diverse tipologie contrattuali ha varie ombre che è necessario – evidenzia l’Alessandrucci – mettere in chiaro ed eliminare; il decreto, pur rendendo più flessibile il mercato del lavoro, manca di un’idea nuova, di un nuovo approccio, di una nuova vision capace di cogliere il cambiamento e l’evoluzione del sistema”.

“Interessante la formula di rafforzamento del part time, condivisibile, se ampliate le tutele relative alla previdenza e assistenza, la proposta del lavoro intermittente e accessorio; da rivedere l’indennità di disponibilità richiesta al lavoratore somministrato che deve essere trattato invece come un lavoratore dipendente; utile l’implementazione dell’apprendistato se riviste le garanzie relative alla prelazione; ottima l’idea di ridurre il numero dei contratti eliminando quello a progetto, ma necessaria l’eliminazione anche dei co co co e il rafforzamento delle partite iva. Assolutamente inaccettabile la proposta di revisione della disciplina delle mansioni che a nostro avviso rischia l’incostituzionalità”.

“Siamo pronti a lavorare insieme affinché – chiude Alessandrucci – i provvedimenti migliori le condizioni delle imprese e dei loro lavoratori”.

titolo: Jobs act: il CoLAP in audizione alla Camera
autore/curatore: Ufficio Stampa
fonte: CoLAP
data di pubblicazione: 21/04/2015
tags: jobs act, colap, lavoro, partite iva, gestione separata

Home | Privacy | Note legali | Sportello utente | Contatti | Partnership | RSS

© 2009-2017 AssoCounseling. Codice fiscale 97532290158. Tutti i diritti riservati.